Seleziona una pagina

Sai cos’è il KINTSUGI?

Letteralmente significa “riparare con l’oro”.

E’ una tecnica Giapponese che consiste nel rimettere insieme i cocci rotti di un oggetto in ceramica usando al posto della colla l’oro!

In questo modo ogni crepa invece che essere camuffata e nascosta viene messa in evidenza e addirittura valorizzata!

Dalla rottura della ceramica prende forma una nuova vita grazie alle linee d’orate che rendono l’oggetto ancora più prezioso.

Nella nostra società occidentale invece tendiamo a dispiacerci quando si rompe un oggetto e nel caso in cui lo si ripari cerchiamo di nasconderlo.

Secondo il Kintsugi invece da una ferita può nascere un qualcosa di ancora più prezioso,

e anche nella vita quotidiani secondo gli orientali in un evento traumatico e doloroso c’è qualcosa di buono, e le cicatrici che lascia vengono mostrate con orgoglio.

Pensa a come sarebbe bello se anche noi occidentali nella nostra mente invece di vergognarci dei nostri errori o limiti riuscissimo ad accettarli e a trovare il modo di valorizzarli?

Quanta angoscia provavo alcuni anni fa quando capivo che il mio centro estetico mi stava stretto e che avevo bisogno di intraprendere un’altra strada professionale, ma non sapevo quale!

Quanti travagli interiori ho dovuto affrontare prima di trovare la ragione della mia insoddisfazione!

Oggi le mie crepe brillano di un bel giallo oro e non mi vergogno più degli errori commessi.

Non essere troppo severo con te stesso, non nascondere le tue crepe altrimenti la ferita rimane sempre lì e tu non comprenderai mai l’origine dei tuoi errori e finirai col ripeterli.

Trasforma la tua ferita o il tuo limite in un tuo punto di forza!!!

Anche quando ti sembra che la vita vada in pezzi ricordati che è sempre possibile rimettere insieme i cocci e ricominciare più forti e consapevoli di prima!

Se ti va continua a seguirmi sul mio Blog “Gocce di Bellessere”   

e sulla mia Pagina FB “Federica Macchi Networker”

E se poi sei curioso di sapere di cosa mi occupo visita  “Conosci Federica”